Consulenze professionali a distanza.

Offriamo consulenza professionale e soluzioni personalizzate online per le vostre esigenze finanziarie e fiscali. Scoprite come possiamo ottimizzare la vostra situazione fiscale e contribuire al successo del vostro business.

Come funziona?

Pasquetto Severino, Socio Fondatore e Managing Partner professionista nel settore da oltre 30 anni ti accompagnerà nel percorso di consulenza sull'argomento da te scelto.

1. Contattaci

Hai necessita di ricevere una consulenza su uno specifico argomento in ambito contabile, finanziario o legale? Contattaci tramite il FORM, lasciando i tuoi dati di recapito.

2. Ricevi la quotazione

Verrai ricontattato nel più breve tempo possibile, ricevendo la quotazione per la tua specifica richiesta.

3. Ottieni la consulenza

Ottieni la consulenza online da parte di professionisti che lavorano nel settore da oltre trent'anni.

Contattaci

Hai necessita di ricevere una consulenza su uno specifico argomento in ambito contabile, finanziario o legale? Contattaci tramite il FORM, lasciando i tuoi dati di recapito.

Ricevi la quotazione

Verrai ricontattato nel più breve tempo possibile, ricevendo la quotazione per la tua specifica richiesta.

Ottieni la consulenza

Ottieni la consulenza online da parte di professionisti che lavorano nel settore da oltre trent'anni.

Domande frequenti

Ecco le risposte ad alcune delle domande più comuni. Ogni questione però, ha delle declinazioni personali, per questo è importante effettuare una consulenza professionale specifica.

Anche a questa semplice domanda la risposta non è univoca perché dipende sempre dal tipo di attività esercitata dal cliente.

Per una lavoratore autonomo il costo è inferiore rispetto a un commerciante o a un artigiano, che deve considerare l'aggiunta del costo per la Comunicazione al Comune di competenza ed al Registro delle Imprese, difficilmente quantificabile in via preventiva.

Per evitare difficoltà e problematiche legate al pagamento dei tributi, occorre tenere sempre a mente le scadenze fiscali di ogni imposta ed effettuare un’attenta pianificazione. 

Le aziende italiane sono tenute generalmente a versare le seguenti tipologie di imposte:

  • Tassa con imposta: si tratta di una tassa progressiva, il cui importo viene calcolato in misura proporzionale al reddito generato;
  • L’IRAP, imposta regionale sulle attività produttive: al momento è richiesta solo alle società di capitali, alle società di persone, agli enti commerciali e agli enti del terzo settore e il suo ammontare dipende dal valore della produzione dell’azienda;
  • L’IRES, imposta sul reddito delle società di capitali e sugli enti: è dovuta da enti e società di capitali che svolgono attività commerciale e sono residenti sul territorio nazionale (o anche non residenti, ma con parte dell’attività commerciale svolta in Italia) e corrisponde attualmente al 24% del reddito netto conseguito;
  • L’IVA, imposta sul valore aggiunto: riguarda tutti i titolari di partita IVA e prevede quattro diverse aliquote (22%, 10%, 5% e 4%) in base alla natura dei beni o servizi commercializzati.

La gestione della contabilità è diversa in base al tipo di attività

Avremo infatti: la Contabilità ordinaria per Società di persone (Snc, Sas) e Imprese individuali; la Contabilità semplificata per Società di capitali (Srl, Spa, Sapa), Società di persone (Snc, Sas), Imprese individuali e il Regime Forfettario per Persone fisiche che intraprendono un’attività di impresa o arte o professione.

Esistono diversi incentivi fiscali che riguardano l’avvio di una nuova impresa, gli investimenti in innovazione, la crescita, il rafforzamento patrimoniale, gli investimenti in macchinari, impianti e software, l’internazionalizzazione, gli investimenti in formazione, in ricerca e sviluppo, in efficienza energetica, in nuove assunzioni, fino ad arrivare agli sgravi fiscali. Non ultimo quello rivoluzionario connesso al reddito di cittadinanza.

In merito, il Ministero dello Sviluppo ha messo a disposizione dei contribuenti un vademecum ragionato sugli incentivi.

Uno dei primi passi per chi desidera avviare un’attività economica di tipo imprenditoriale è decidere quale tipo di forma legale debba assumere la futura impresa. Dalla natura della forma scelta derivano infatti una serie di conseguenze di tipo giuridico, fiscale e organizzativo, che è bene conoscere nel dettaglio per adottare la soluzione più adeguata alle esigenze del o degli imprenditori e ai caratteri dell’impresa stessa.

Elementi di cui bisogna tenere conto per scegliere la forma giuridica di un’impresa sono:

  • La responsabilità giuridica e patrimoniale (limitata al capitale sociale o estesa all’intero patrimonio personale dell’imprenditore);
  • L’indipendenza decisionale dell’imprenditore (variabile tra le diverse tipologie di impresa, con i due grandi raggruppamenti della forma individuale e della forma collettiva);
  • La convenienza fiscale (in relazione al tipo di tassazione del reddito d’impresa e alla scelta del regime contabile);
  • Il capitale da investire (il capitale minimo di cui si deve obbligatoriamente disporre per costituire alcune tipologie di impresa; le spese di costituzione);
  • Il volume di affari previsto;
  • Gli obiettivi e i rischi d’impresa.

Vorresti prenotare una consulenza online?

Intraprendere un percorso per avere una maggiore conoscenza e consapevolezza della propria impresa è un passo fondamentale. Sarai ricontattato al più presto per ricevere  un preventivo e prenotare una consulenza online.